L’avviatore di emergenza: la soluzione per non trovarsi più in panne!

  • wellnet 

Di sicuro vi è capitato almeno una volta nella vita: stiamo parlando di “rimanere a piedi” con la propria auto, rendendosi conto all’improvviso che la macchina non parte a causa della batteria scarica.

Questo tipo di inconveniente è molto frequente: basta lasciare la luce interna accesa dopo aver parcheggiato la macchina oppure i fari accesi per tutto il giorno e ci si ritroverà nei guai, con l’auto che non parte a causa della batteria scarica (magari proprio poco prima di un appuntamento importante).
Non poter usare la propria auto infatti può trasformarsi in un vero grattacapo specie sesi è di fretta o in qualche posto difficilmente raggiungibile. Ma come ormai sapete, per tutto c’è una soluzione!

Con l’acquisto di un avviatore di emergenza, detto anche booster, non avrete più problemi di questo tipo. Grazie a questo piccolo, semplice e leggero apparecchio non sarà infatti più necessario chiamare il carro attrezzi, chiedere aiuto ad amici e parenti oppure ai passanti per cercare di far ripartire l’auto “a spinta”.
L’avviatore di emergenza è l’ideale per chi non ha dimestichezza con i cavi di avviamento e preferisce quindi risolvere il problema senza affidarsi ad essi.

Vediamo insieme come utilizzare un avviatore per la batteria scarica e come è facile far ripartire il veicolo senza stress e senza fatica.

L’avviatore per la batteria dell’auto: come funziona e perché è davvero comodo

Il funzionamento dell’avviatore per la batteria dell’auto è molto intuitivo. È sufficiente collegare le due pinze di cui è dotato ai due poli dell’accumulatore della vettura. Quella rossa al polo positivo e quella nera o blu a quello negativo. Una volta eseguita tale operazione non dovrete fare altro che accendere la macchina. L’auto, naturalmente se non vi sono problemi più gravi o ulteriori inconvenienti oltre la batteria scarica, ripartirà in breve tempo. Appena riattivata la batteria, dovrete solo ricordarvi di rimuovere le pinze e poi potrete rimettervi in marcia senza pensieri.

Tuttavia vi sono alcune accortezze a cui prestare attenzione. Per prima cosa, non bisogna insistere a provare ad accendere la vettura per più di 8 o 10 secondi. Se non si noteranno effetti dopo il primo avviamento, meglio attendere qualche minuto prima di riprovare. Inoltre, non si deve usare l’avviatore per la batteria dell’auto con l’auto stessa in movimento per non causare gravi complicazioni all’accumulatore. Ancora un consiglio prezioso per gli automobilisti in difficoltà: controllate di portare con voi l’avviatore di emergenza sempre carico, altrimenti diventerebbe inutile averlo con sé!

I booster di avviamento di Tuttobatterie

Tuttobatterie offre una vasta gamma di booster di avviamento per l’auto e non solo. I dispositivi che vi proponiamo sono infatti compatibili con tutti i principali veicoli.
In generale, occorre tenere presente che quelli per le macchine, per le moto e per i camper hanno una tensione di uscita di 12V.
Invece, i booster di avviamento per i mezzi caratterizzati da grosse cilindrate come pullman e camion, invece, hanno una tensione di uscita di 24V.
I booster di avviamento hanno inoltre potenze di picco differenti per accendere il motore di qualsiasi veicolo, assicurandone la massima intensità di spunto.
Presso il punto vendita sono disponibili modelli per batteria AGM, al litio ed al piombo: potrete sempre trovare la soluzione più adatta e pratica, in base alle vostre reali necessità.
I booster sono davvero efficienti, nonostante questo, sono caratterizzati da una grande facilità di utilizzo che li rende una scelta ideale anche per gli automobilisti o i guidatori meno esperti. Efficienza, semplicità di utilizzo e anche elevate prestazioni, un valore aggiunto molto importante per consentire una maggiore affidabilità e la sicurezza dell’avviamento anche nelle condizioni più difficili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *